8 centri commerciali in tutta la Puglia

natale-taranto.jpg
Pubblicato il 05 Dicembre 2017

Il 13 dicembre in occasione, del “Natale in Mongolfiera” sarà possibile trascorrere un pomeriggio all’insegna degli antichi racconti, in compagnia dell’esperto delle tradizioni natalizie della città di Taranto, Enzo Risolvo. Qui in esclusiva per PianetaPuglia un'anticipazione dell’evento “Le Tradizioni Natalizie”. Quali sono le tradizioni natalizie a cui siete legati e che seguite in famiglia? 

A Taranto le festività natalizie hanno inizio il giorno di Santa Cecilia, Infatti si dice:  Ce Natále buéne vuè ccu fáce de Sanda Cecìglie ha ‘ccumenzáre . Insomma, le feste natalizie pensate, durano 46 giorni, fino all’Epifania! Ma perché si inizia il giorno di Santa Cecilia?  Probabilmente perché la Santa è la protettrice dei musicisti, e Taranto è stata patria di tanti compositori musicali, a partire da Aristosseno, vissuto nel IV secolo a. C., e poi tanti altri, compreso Paisiello, Fago, Costa e i bravi compositori musicali, che ci hanno deliziati con pastorali e marce funebri.  Con Santa Cecilia inizia ‘a nuéne (o nuéle), le pastorali tarantine, nenie dolcissime e antiche, la prima pastorale fu scritta nel 1870 e soprattutto si mangiano le pettole frittelle piene di zucchero o miele.

Sempre di Santa Cecilia, per tradizione a Taranto si inizia a fare il presepe. In seguito, in molte chiese fu realizzato il presepe in marmo o in pietra. Ma è dal 1734 che il presepe si diffonde nelle case…

Il 6 dicembre, San Nicola: una ninna nanna dice:

nenna vóle nenna vóle  addurmìscele Tu, Sande Necóle;
Sande Necóle de le piccennùdde, addurmìscele Tu ca jè ‘ngraziùdde.

Soprattutto, di San Nicola, le fanciulle in cerca di marito recitavano questa invocazione particolare, minacciosa:

San Necóla San Necóle
Famm’acchiáre ‘u mucculóne
San Neco’, je mo t’u díche
Ci quist’ànne no’ me maríte
Padrennòstre no’ te ne díche

L’8 dicembre è la festa dell’Immacolata divenne Patrona a seguito di un presunto miracolo: secondo la fede popolare, la Madonna ci salvò da un terremoto avvenuto la notte tra il 7 e 8 di dicembre del 1710, che invece aveva colpito tutto il circondario. Molto sentita è la vigilia di questa festa, durante la quale si osservava e lo si fa ancora, un digiuno. Interrotto a mezzogiorno da ‘u mescetále , un pane azimo, non lievitato, che in italiano potremmo definirlo la mescolata. Per poi mangiare a sera: stalètte cu le còzze, capetóne all’agredósce, òscre, cozzagnàvule, javatúne  e sanacchiùdde.

 Dopa l’Immacolata, un’altra festività natalizia molto sentita, Santa Lucia, Una bella invocazione alla Santa, dice:

Sanda Lucie bèdda bèdde
De le piccìne tu si’ ‘na stèdde
Avíeneme a truéve a ccáse stasére
Quànne ‘u  cíele se tènge de nére
Sanda luci’, ‘nzìgneme ‘a dretta vi’
Famme turna’ sèmbe a ccása mi’

Si dice pure:

de Sanda Lucíe
aumènd’u sóle àgne matíne
de nu pàsse de jaddíne.

Qualche giorno dopo il 13 dicembre, inizia la novena in preparazione al Santo Natale. si dice:

‘A fèste de Natále jè ‘a fèste princepále
Ha nnáte ‘u Signóre indr’a ‘na mangiatóre

Mentre, per la vigilia di Natale si osserva il digiuno, avvertendo:

a ce no’ ffáce ‘u disciúne a viscìglie de Natále
o jè stuèdeche o jè anemále

dovuto all’atavica povertà, gli adulti canzonettavano: 

mo véne Natále, cu sènza denáre
me pìgghie ‘na pìppe e me mètt’a sunáre
mo véne Natále e no’ ttègne ce ffáre
me lègge ‘u giurnále o me mètt’a canda’.

Ma nonostante la povertà, per quel Santo giorno, nessuno doveva rimanere a digiuno, nessuno doveva rimanere solo, e si invitava al proprio tavolo i viandanti, i poveri, dicendo:

bbóne fèste a tùtte a tùtte a le buéne e a le brùtte.

La notte Santa, nell’attesa di andare in chiesa, si giocava e si gioca a carte; in genere alla tombola, ma anche a pepècchie, a’ stòppe, a tressètte, ‘o mazzètte, a le mònde, a settemmìnze;  gli uomini un poco particolari giocavano a zeghenètte, un antico gioco d’azzardo che fa riferimento ai lanzichenecchi. 

Un tempo, dalla chiesa della Trinità, da piazza Castello, qualche ora dopo la mezzanotte, usciva la processione di Gesù Bammíne curcáte, iniziata nel 1877. Una caratteristica processione, definita la processione dei pescatori, in quanto abbàsce ‘a maríne, in via Garibaldi le jaccarúle (i pescatori con la fiocina) che con frezzelìdde facevano da cornice alla processione (‘u frezzelìdde è una specie di torcia in acciaio, ove veniva messa pezzi di legna resinosa, accesa durante la processione).

Oggi non c’è più la chiesa della trinità, abbattuta nel 1972, per far emergere le colonne doriche, ma la processione inizia dalla cattedrale alle ore 11.00.

Ma il giorno di Natale, il pranzo doveva essere speciale e abbondante, tanto da chiamarlo, come diceva Alfredo Majorano, u strafuéche, che consisteva in:

vermicìdde cu àgghie, uègghie e putresíne
zuppe de pèsce cu angìdde, scòrfene e frùtte de máre
capetóne ‘o fúrne o arrustúte
cavulaffiúre addelessáte o frìtte
mùgnele cu uègghie e lemóne
cape d’àccie, fenùcchie,catalògne e nuce de tèrre
castàgne d’u prèvete
tutte le frùtte de máre
pèttele, sanacchiùdde e carteddáte.

Le cartellate, come terzo dolce tipico tarantino. Vedete: le pettole, ci ricordano Sa Francesco, e rappresentano la povertà di un tempo; le sanacchiùdde, il dolce dei pescatori (che poi sono simili agli strufoli napoletani); le cartellate vogliono rappresentare il povero giaciglio ove fu posto Gesù Bambino nella mangiatoia.

Prima di iniziare a mangiare ‘u strafuéche, era usanza che ai bambini in età di scuola elementare la maestra facesse scrivere una letterina da mettere sotto il piatto del papà, una lettera di promesse. Un’usanza che si è persa che risaliva alla seconda metà del 1800, con la scuola dell’obbligo (la più antica letterina è della Germania, e risale al 1731).

Dopo Santo Stefano, ci si prepara al Capodanno. Per tradizione in quel giorno bisogna regalarsi dolci, perché se si è buoni a capodanno si è buoni per tutto l’anno.
Non bisogna lavorare, porta male, infatti si dice:

‘U ggiúrne de San Silvèstre, no’ se fíl’e no’ se tèsse 
No’ se mètte fíle all’áche, no’ se mètte pèttene ‘ngápe.

Il cenone di San Sivestro era:

zùppe de pèsce e frùtte de màre
lendìcchie e angìdde all’agredósce
frutti di mare (crudi solo per chi ha gli anticorpi)
sanacchiùdde, carteddáte e panettóne.

 Epifania, che significa Apparizione, si ricorda l’arrivo dei re magi alla grotta offrendo dei doni: oro, che significa regalità e potenza; incenso, come segno di gloria; mirra, che indica fede e umanità (un tempo, la mirra si usava per l’imbalsamazione). Da allora questa è la festa dei regali.

L’immagine della vecchietta, deriva da strenia, una dea che in tempi mitologici portava doni, un’usanza di epoca romana. Infatti, ancora oggi, per i doni si dice strenna natalizia.

In italiano la tiritera della befana è:

“la befana vien di notte con le scarpe tutte rotte, ecc.”;

in dialetto si dice:

“‘A befáne ascunnút’ascunnúte, pìgghie a tùtt’a securdúne
Porte scàrpe tùtte sckuasciáte, ve pe’ ccáse scuffuláte
Jè ‘na pòvra vicchiarèdde, port’a tutte ‘a calzettèdde
A le piccìnne bráve le caramèdde, a chìdde brùtt’a carbunèdde”.